La via di Shackleton per guidare il gruppo durante una crisi

  • Quando si profila una crisi, convoca immediatamente il tuo staff. Prendi le redini della situazione, presenta un piano d’azione, chiedi aiuto e mostra la tua incrollabile fiducia che la situazione avrà un esito positivo.
  • Liberati delle posizioni intermedie di autorità, inutili. Una leadership diretta è sicuramente più efficiente nelle situazioni di emergenza.
  • Pianifica nei dettagli le varie possibilità. Analizza le probabili conseguenze di ognuna, senza perdere mai la visione del quadro generale.
  • Alleggerisci scorte e procedure in modo che non ti rallentino.
  • Fai periodicamente al tuo staff un rapporto della situazione, così da tenerlo sempre informato. Dopo un po’ inizierà a considerare la situazione di crisi come normale amministrazione e non più l’unica cosa cui pensare.
  • Tieniti a stretto contatto con i malcontenti. Combatti l’istinto di evitarli e carca invece di conquistarli e di ottenere il loro sostegno.
  • Allenta la tensione: nelle situazioni di grande stress utilizza l’umorismo per far sentire gli altri a proprio agio, e tieni sempre tutti impegnati.
  • Dimentica il passato, non perdere tempo né energia a rimpiangere gli errori commessi o ad affliggerti per qualcosa che non puoi più cambiare.
  • Chiedi consigli e informazioni, ma alla fine prendi la decisione che ritieni giusta basandoti sul tuo giudizio personale.
  • Lascia che tutti coloro che sono coinvolti nella situazione di crisi partecipino alla soluzione, anche se questo significa distribuire compiti inutili.
  • Sii paziente; talvolta la scelta migliore è non fare nulla, limitandosi a guardare e attendere.
  • Lascia al tuo staff molto tempo per abituarsi all’idea di una scelta impopolare.

Margot Morrell e Stephanie Capparell
Da “La via di Shackleton”

Posted on 12/12/2018 in Letture

Scopri i nostri corsi aziendali

Share the Story

About the Author

Back to Top