Approfondimenti

I Dialoghi di Confucio 2

“Chi K’ang-tzu (dignitario di Lu) interrogò sul modo di indurre il popolo alla reverenza ed alla fedeltà e di esortarlo al bene. “Trattalo con gravità” rispose Confucio “ed allora sarà reverente; sii filiale e clemente ed allora sarà fedele; innalza gli uomini retti ed istruisci gli incolti ed allora sarà esortato”. “Tzu-kung interrogò sul governo.…

Read More →

I Dialoghi di Confucio 1

“Il saggio dedica pensosa attenzione a nove cose: nel guardare ha cura di veder chiaro, nell’ascoltare di intendere, nell’espressione di essere gentile, nel tratto di essere rispettoso, nelle parole di essere leale, negli affari di essere reverentemente cauto, nel dubbio di interrogare, nell’ira pensa alle sofferenze che ne conseguono, nel vedere il profitto pensa alla…

Read More →

Piccolo breviario Zen 2

Il lavoro è amore reso visibile. E se non riesci a lavorare con amore, ma solo con disgusto, meglio che tu lasci perdere il tuo lavoro e ti sieda alla porta del tempio a chiedere l’elemosina a coloro che lavorano con gioia. Kahlil Gibran – Esci dalla confusione, trova semplicità; – Dalla discordia, trova armonia;…

Read More →

Il negozio della verità

Non potevo credere ai miei occhi quando lessi l’insegna del negozio: IL NEGOZIO DELLA VERITA’. Li vendevano la verità. La commessa fu molto cortese: che tipo di verità desideravo acquistare, la verità parziale o la verità totale? La verità totale, ovviamente. Niente falsità per me, nessuna difesa, nessuna razionalizzazione. Volevo la mia verità pura e…

Read More →

Piccolo breviario Zen 1

Un giorno Chuang-tzu e un amico camminavano lungo la riva del fiume. “Come se la spassano gioiosamente i pesci nell’acqua!” esclamò Chuang-tzu. “Tu non sei un pesce,” replicò l’amico. “Come fai a sapere se i pesci se la spassano o meno?” “Tu non sei me,” disse Chuang-tzu. “Come fai a sapere che io non so…

Read More →

La freccia avvelenata

Un monaco una volta andò dal signore Buddha e disse: “L’anima del giusto sopravvive alla morte?” Come al solito, Buddha non gli rispose. Ma il monaco insistette. Ogni giorno ripeteva la domanda, e ogni giorno riceveva come risposta solo il silenzio, finché non ne poté più e minacciò di andarsene dal monastero se non avesse…

Read More →

Cambia il mondo cambiando me

Il sufi Bayazid dice di se stesso: “Quand’ero giovane ero un rivoluzionario e tutte le mie preghiere a Dio erano: “Signore, dammi la forza di cambiare il mondo”. “Quand’ero ormai vicino alla mezza età e mi resi conto che metà della mia vita era passata senza che avessi cambiato una sola anima, cambiai la mia…

Read More →

Il pescatore soddisfatto

Il ricco industriale del nord rimase inorridito trovando il pescatore del sud pigramente sdraiato accanto alla sua barca a fumare la pipa.”Perchè non sei i mare a pescare?” gli chiese l’industriale? “Perchè ho preso abbastanza pesce per oggi”, disse il pescatore.”Perchè non ne prendi più di quanto te ne serve?” chiese l’industriale. “Cosa ne dovrei…

Read More →

Questioni di interesse

Un agricoltore, il cui grano vinceva sempre il primo premio alla fiera regionale, aveva l’abitudine di dividere i semi migliori con tutti i contadini del vicinato. Quando gli chiesero perché, egli rispose: “In realtà lo faccio per interesse. Il vento solleva il polline e lo trasporta da un campo all’altro. Perciò se i miei vicini…

Read More →

Trentanove anni: troppo pochi, troppi, sufficienti

Oh, la peggiore di tutte le tragedie non è morire giovane, ma vivere fino a settantacinque anni e tuttavia non aver vissuto veramente.MARTIN LUTHER KING Dal 1929 al 1968 ci sono soltanto trentanove brevi anni. Troppo pochi per raccogliere i frutti della tua fatica troppo pochi per consolare i tuoi genitori quando tuo fratello annega…

Read More →

Back to Top