Cerca
Cerca
Close this search box.

“Il diritto di contare” di Theodore Melfi


il-diritto-di-contare-nuova-data-di-uscita-italiana-poster-e-video-della-colonna-sonora

Guarda alcune clip

 

Il problema della discriminazione nei confronti di donne e persone di colore esiste da tempo in tutto il mondo, anche se in America il tema era particolarmente caldo e sentito molti anni fa. Ma cosa succede quando l’ostacolo coinvolge persone che non solo hanno un colore diverso, ma sono anche donne?
Questo il tema centrale de “Il diritto di contare”, l’incredibile storia mai raccontata di Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson, tre brillanti donne afroamericane che alla NASA lavorarono ad una delle più grandi operazioni della storia: la spedizione in orbita dell’astronauta John Glenn, un obbiettivo importante che non solo riportò fiducia nella nazione, ma che ribaltò la Corsa allo Spazio, galvanizzando il mondo intero. Le tre pioniere – superando ogni forma di barriera – sono state un modello d’ispirazione per intere generazioni.

Il progetto, diretto da Theodore Melfi e interpretato tra i più noti da Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst e Jim Parsons, ha una forza retorica che ben si accosta al tema di fondo.
Nonostante quello che si potrebbe pensare leggendo la trama, il film è incentrato sul tema del razzismo e sulla determinazione delle donne di colore nel dimostrare il loro reale valore, senza lasciarsi fermare dall’ignoranza e dalle convinzioni che al tempo caratterizzavano la società americana.
Il tema di fondo, purtroppo, è ancora molto attuale perché il problema del razzismo e di ogni sorta di discriminazione – a detta degli studiosi è dovuto alla paura del diverso e, come sappiamo – non ha mai avuto una fine. Ancora adesso è presente ovunque nel mondo.
Ma “Il diritto di contare” mostra anche un lato positivo della vicenda che non è solo quello di poter uscire vincitori da una situazione difficile da gestire, ma il fatto che non tutti gli uomini sono uguali, il che lascia spazio alla speranza che prima o poi qualcosa possa cambiare definitivamente.
La pellicola inoltre è volta a mandare un altro messaggio chiaro: per raggiungere un obiettivo importante è necessario fare dei sacrifici, ma il risultato finale sarà sempre una grande soddisfazione.
Il regista ha sottolineato anche l’importanza dei numeri nella vita di tutti i giorni: è vero che in questo caso ogni definizione è rivolta al calcolo per eseguire senza margini di errore la spedizione in orbita dell’astronauta John Glenn, ma è anche giusto riflettere sul fatto che la matematica la troviamo è fondamentale in qualsiasi circostanza e, soprattutto, non ammette errori.

Tag
Social Share
// Cerca
// Articoli recenti
// Categorie