Cerca
Cerca
Close this search box.

Puoi sbagliare solo se sai ciò che è giusto


Essere centrati significa far collimare nel presente la tua coscienza con gli eventi che ti circondano: è uno stato vigile, di attenzione completa.

Lo stato di attenzione completa si ha quando non devi più sforzarti di essere attento; ma lo sei, sei l’attenzione, sei presente. Avete mai osservato lo stato vigile di un animale?
Di un uccellino, ad esempio; non fa calcoli, ma se tu oltrepassi un certo limite, anche se ti volta le spalle, vola via. È attento, è totalmente vigile.

Essere centrati è essere vigili nel momento in cui accadono le cose; i tuoi sensi sono svegli, la tua attenzione funziona ed è collegata alla tua presenza, non ad una serie di reazioni automatico-istintive, ed è proprio qui la differenza con un animale, con lo stato vigile di un animale. Essere centrati non significa essere in tensione o essere rilassati, significa semplicemente esserci nel momento in cui accadono le cose, avere percezioni di se stessi come stato dell’essere, non come esercizio o abitudine dovuta all’allenamento.

É uno stato che possiamo definire di percezione cosciente, di non divisione da ciò che ti circonda.
Non è perdersi nell’infinto, poiché se sei perso nell’infinito, non sei attento.
Puoi essere attento e lucido solo se sei separato dal tempo e dallo spazio reale a causa del processo di sogno automatico della mente.

Sauro Tronconi
“Bramosia”

// Cerca
// Articoli recenti
// Categorie